Effetti Collaterali "Crederai che non sei schiavo​?​" [EffettiCollateraliRecords​/​IDischiDelMinollo​/​GenerazioneZero​-​2008]

by Effetti Collaterali

/
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
03:26
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.

about

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
ESTRATTI RECENSIONI NAZIONALI:
“Gli Effetti Collaterali fanno indie-rock, ma di quello bello, forte, poco scontato e lontani da biechi intenti commerciali. In questo primo album del trio di Potenza si sente il punk, il noise ("La Roba") e il grunge ("Nel Tuo Basso Ventre"). "Il Male Peggiore" è un'eclettica suite da 12 minuti, "Una Casa Di Carta" e "Tagli" si avvalgono dell'uso degli archi. E se il suono della band è potente e aggressivo, i testi sono ottimi: taglienti, critici, dissacranti e ironici. In alcuni momenti ricordano gli Afterhours ("la verità è un veleno che ti strappa il cuore") in altri si avvicinano alla freschezza dei Tre Allegri Ragazzi Morti. E come ciliegina sulla torta: un booklet a fumetti a dir poco bellissimo. "Crederai che non sei schiavo?" non può e non deve passare inosservato”. [Rockit.it]

"Pieni di quella forza naturale in più, che mi fa percepire attraverso questo loro lavoro, la vera essenza del rock, la vera anima del grunge, e la vera brutalità del punk.
Rischiano nell'intento di farsi conoscere, spingono a mille, ripartono da zero dopo ogni lavoro, insomma una vera rete musicale di campioni. Musica da live, musica da parcheggio abuso, musica da corteo sindacale del primo Maggio. Acidi, rissosi, camaleonti del sapere, "sospensori" dell'arte povera, piena di insoddisfazioni "burocratiche". Contagiosi come la loro musica, riflessivi e scoordinati come tante gazzelle in un parco pieno di leoni. Il loro sound è una essenza prelibata, molto vicina a quella degli antichi greci, caratterizzata da suoni maestosi, divisi tra la pazzia e l'umiltà d'animo. Invenzioni classiste su anarchie danarose, pezzi puri rivoltati da pezzi oscuri e macabri, armonia di base, squilibrio di natura.
Testi filo-politici, ingannati da strutture primordiali, pezzi commoventi, mischiati a scariche di semplice auto controllo. Lavoro libero, passionale, anti tutto e pro tutto. Conclusione:libero pensiero, libera poesia!"[PASSIONE ALTERNATIVA]

"Polemicissimo trio in arrivo dalla Basilicata, che si muove sulle coordinate di un grunge-noise con forti venature post-core, gli Effetti Collaterali offrono al pubblico una specie di concept album basato sui danni dell'appiattimento culturale e sul potere condizionante dei media[..] Ottima scelta in tempi di overdubbing!"[“ROCKSOUND”]

"Effetti Collaterali di Potenza, più che un semplice gruppo musicale (qualcuno avrà certo letto uno dei tanti numeri della fanzine "Tutti morimmo a stento") un collettivo che organizza mostre, e in generale è molto attivo nell'ambito dell'italica autoproduzione.
Orbene, eccoli qui con un full-lenght di ottima fattura, che a mio avviso si lascia ascoltare molto ma molto bene.
Premetto che il genere è qualcosa di totalmente atipico: un mix di punk, noise e wave, dove non mancano influenze pop rock, innestato su un ordito lirico personalissimo ma riconducibile in qualche modo all'anarcopunk italiano.
Una scelta assolutamente non facile, che però funziona, forse anche perché i nostri hanno un ottimo fiuto per riff e ritornelli, oltre a essere tecnicamente in gamba. A tratti ("Teatro quotidiano") mi ricordano molto da vicino i CCCP Fedeli Alla Linea; nella maggior parte degli altri episodi, invece, siamo nell'ambito dei capiscuola del noise nazionale anni '90.
14 pezzi 14, impregnati di un'onestà di intenti che non può passare inosservata e che riserverà notevoli sorprese. Consigliato a tutti quelli che non temono di spaziare, e anzi, magari sono alla ricerca di una formula sonora non prevedibile e precotta."[LAMETTE.IT]

EFFETTI COLLATERALI "Crederai che non sei schiavo?" (2008 )
Gli Effetti Collaterali sono un trio di Potenza formati da Fabio Settembrino (voce e chitarra), Gianluigi Santoro al basso e Antonio Santoro alla batteria. Il punto di forza di questo disco – e del gruppo, credo – sta nella semplicità. Eppure nessuno dei quattordici pezzi che compongono l’album tende a semplificare. La vita è complessa e tutto quello che ci chiedono questi testi è di porci ancora delle domande, di coltivare il dubbio. Molta della fruibilità di questo album risiede nell’interpretazione, in una rabbia che smembra la superficie testuale e assoggetta il ritornello, le strofe al mood del momento.
Si sente, in “Crederai che non sei schiavo?”, la forza di un tema comune, anche se in realtà non possiamo parlare di un vero concept album. Diciamo che esiste un tema principale, che è quello già presentato dal notevole lavoro artistico fatto per il booklet e dal titolo dell’album; si tratta di rendere consapevole l’ascoltatore delle “catene” che porta, sottili e insidiose come le parole di una delle canzoni più riuscite dell’album, “Consumatori finali di prodotti derivanti da logiche di morte e sfruttamento”. Sarà un caso trovare al decimo posto il realismo di Verga e de: “La roba”? Cito alcuni degli episodi migliori del disco, come “Una casa di carta” (davvero notevole l’ausilio di Paola Romano al violino), “La verità è un veleno che ti strappa il cuore” e “Sottoattacco”, anche se citando non si rende merito al lavoro di questi ragazzi, tutto teso a sparare un unico colpo di fucile piuttosto che tagliuzzare col coltello. Sul loro sito scrivono che il loro ambiente naturale è il live: non fatico a crederlo. Dei 14 pezzi in scaletta, nessuno – e dico nessuno – suonava senza che mi dicessi: “QUESTO DAL VIVO SPACCA!”. UN OTTIMO LAVORO. [MUSICMAP.IT]

credits

released June 26, 2014

EFFETTI COLLATERALI:
Fabio Settembrino: Voce/Chitarra/Succhi Gastrici/Giocattoli
Gianluigi Santoro: Basso/Cori/Lobotomie
Antonio Santoro: Batterie/nausee
"Crederai che non sei schiavo?" Registrato all'S.K.Recording" di Effetti Collaterali a Potenza intorno l'estate/inverno 2007 Missato a Marzo 2008
Prodotto da Fabio Settembrino e Effetti Collaterali - Effetti Collaterali Records (Collettivo di Artisti&Autoproduzioni) 2008
Testi: Fabio Settembrino Musiche: Fabio Settembrino/Effetti Collaterali

X INFO & CONTAGI:
WWW.EFFETTOCOLLATERALE.IT
"Effetti Collaterali" su FB cel. 328-1285276 effettocollaterale@hotmail.com
WWW.MYSPACE.COM/EFFETTICOLLATERALIBAND
WWW.MYSPACE.COM/EFFETTICOLLATERALIRECORDS
WWW.REVERBNATION.COM/EFFETTICOLLATERALIBAND
WWW.SOUNDCLOUD.COM/EFFETTI-COLLATERALI
WWW.EFFETTICOLLATERALI.BANDCAMP.COM

tags

license

all rights reserved

feeds

feeds for this album, this artist